Perossido: sanitizzazione studi medici

Gli ambienti sanitari sono considerati dei luoghi ad alto rischio biologico sia per il personale addetto, che viene esposto direttamente o indirettamente ad agenti patogeni come virus infezioni e batteri, sia per i pazienti.

La sanitizzazione degli studi medici assume un aspetto rilevante, una corretta disinfezione deve avvenire per gli apparecchi e gli strumenti utilizzati per le poltrone operatorie e per i cassetti e per tutti gli arredi degli ambienti sanitari.

Inoltre è uno dei luoghi dove possiamo riscontrare la presenza di Legionella. Pazienti e operatori sanitari sono continuamente esposti all’acqua e ad esempio la nebulizzazione durante una semplice igiene dentale può essere contagiosa per paziente ed operatore.

Quali sono i maggiori rischi

I maggiori rischi legati alla presenza di agenti patogeni negli studi medici sono legati alla diffusione di alcune malattie infettive, in primis epatiti virali di tipo B e C e infezione da HIV.

Questi dati devono far riflettere e convincere che il controllo della trasmissione delle stesse negli studi medici riveste un ruolo importante nell’attività clinica quotidiana. 

È necessario dunque considerare ogni paziente come potenzialmente portatore di una malattia infettiva trasmissibile, mantenendo un livello di attenzione costante ed adottando sempre le norme preventive di igiene, disinfezione e sterilizzazione, indossando  anche i mezzi di barriera protettivi personali.

Cosa proponiamo noi di Green Biotech

La GreenBiotech, per la sanitizzazione degli ambienti sanitari, propone il rivoluzionario dispositivo DS.

DS è un dispositivo per alta disinfezione indoor ed impianti di climatizzazione ad iniezione agisce con un impulso controllato di perossido di idrogeno. Parliamo di un sistema altamente innovativo il cui obiettivo è la prevenzione ed il controllo del rischio biologico sia degli ambienti indoor in genere, sia degli impianti di canalizzazione aria e di termoventilazione.

La tecnologia è innovativa in quanto caratterizzata dall’impiego di prodotti totalmente atossici e biodegradabili. È insomma il metodo ideale per chi desidera un ambiente di lavoro e di vita con un rischio infettivo minimo. Il sistema prevede l’abbinamento inscindibile tra macchina e prodotto disinfettante a base di perossido di idrogeno.

Il disinfettante, in virtù della sua composizione chimica, è un prodotto bio che, erogato nell’ambiente mediante il diffusore, risulta essere efficace contro virus, batteri, funghi e spore, ed è indicato per disinfettare qualsiasi superficie, oggetto e attrezzatura. L’impiego è semplice: basta distribuirlo in locali chiusi, senza persone, e lasciarlo agire per 30/40 minuti, al termine dei quali si dissolve rapidamente nell’aria. La nebbia secca così generata non crea deposito e non lascia alcun residuo.

Comments

comments