Purificatore dell’aria: diminuzione del contagio negli studi medici

L’ambiente dello studio medico è considerato un ambiente lavorativo ad elevato rischio biologico, per cui il personale coinvolto direttamente e indirettamente nella cura del paziente può essere potenzialmente esposto ad agenti patogeni; anche il paziente stesso è esposto ad agenti patogeni.

Batteri, funghi e virus sono presenti costantemente nell’aria ma in uno studio medico, questa realtà è ancora più grave per via di altri tre motivi: i microrganismi possono essere altamente pericolosi in quanto provenienti da pazienti infetti e contagiosi che distribuiscono nell’aria virus e batteri molto aggressivi con una crescente resistenza dei germi ospedalieri a disinfettanti e farmaci convenzionali, uniti ad una bassa resistenza dei pazienti stessi.

Questo permette ai batteri ed ai virus, ad a volte ai funghi che si incontrano comunemente nell’aria, di causare malattie infettive che in questo caso fanno aumentare le probabilità di contagio. C’è un forte rischio confermato dalle percentuali che dei pazienti che si trovano in ospedale per essere curati subiscano il contagio di un’altra malattia attraverso l’inalazione dei microrganismi. Tutto questo aumenta i tempi di ospedalizzazione, le spese di medicinali e principalmente mette a rischio la salute di pazienti ed operatori.

La problematica

In Italia le infezioni ospedaliere sono stimate nell’ordine di 600-700.000 e causano dai 5.000 ai 7.000 decessi. E’ una delle maggiori cause di decessi insieme ad incidenti, malattie cardio-vascolari e tumori. I costi per le cure possono essere estremamente alti, per esempio per combattere un’infezione dovuta al fungo aspergillus vengono spesi ogni anno milioni di euro in medicinali.

Numerosi studi dimostrano che i bio-aerosol ( microrganismi conglomerati in sospensione nell’aria) giocano un importante ruolo nella contrazione delle infezioni essendo calcolati responsabili per il 10-20% dei casi.

Gli agenti patogeni possono essere emessi in diversi modi: in maniera naturale o attraverso un sistema di ventilazione forzata, water spray, attraverso piccoli brandelli di pelle appartenenti ai pazienti o allo staff medico, con meccanismo air-borne tossendo, starnutendo,o semplicemente respirando . Gli studi dimostrano inoltre che i medici appartenenti allo staff chirurgico possono liberare tra i 1.550 ed i 50.000 batteri al minuto e che questi agenti patogeni possono rimanere nell’aria.

Gli studi rivelano che l’80-90/ di tutte le infezioni chirurgiche sospese nell’aria dipendono dalla cattiva qualità dell’aria e che in questo caso aria pulita significherebbe minor rischio di infezioni.

Per questo motivo lo sforzo dev’essere concentrato nella prevenzione delle malattie trasmesse per via aerea, diminuendo la quantità di microrganismi presenti nell’aria.

Perchè i purificatori d’aria e cosa propone GreenBiotech

L’unico modo per essere protetti al 99,99% è utilizzare un buon Purificatore d’Aria in sinergia con le “Buone Pratiche” ( per esempio l’aerazione periodica dei locali al fine di diminuire l’umidità e la presenza di patogeni nell’aria) che normalmente mettiamo in atto.

I purificatori dell’aria funzionano da filtro per rimuovere gli agenti inquinanti e particolati nell’aria in diversi ambienti. Perchè è molto importante installare un purificatore dell’aria? Perché molto spesso in ambienti domestici si può accumulate un quantitativo di particolato fino a cinque volte superiore rispetto all’aria esterna.

L’impiego di tali purificatori risulta essere molto utile soprattutto per i soggetti che soffrono di asma o allergici alla polvere e per eliminare gli acari della polvere.

Questi dispositivi funzionano davvero: sono stati condotti degli studi che hanno dimostrato che, nei luoghi dove sono stati installati, le persone tendevano a soffrire meno di allergie e malattie respiratorie.

Noi di GreenBiotech proponiamo a tal proposito l’installazione di purificatori dell’aria iQair. I purificatori d’aria IQAir possono fermare alcuni dei contaminanti presenti nell’aria che si respira e sono in grado di filtrare minuscole particelle ultrafini presenti nell’aria che sono le più dannose.

Le particelle ultrafini rappresentano il 90% di tutto l’inquinamento atmosferico che si può respirare compresa polvere, peli di animali domestici, virus, particelle d’inquinamento o anche il fumo di sigaretta.

Purtroppo i classici depuratori d’aria sono testati solo in caso di 0,3 micron o più grandi, mentre il purificatore d’aria IQAir HyperHEPA, che propone la nostra azienda, è testato e certificato per filtrare e bloccare le particelle ultrafini fino a 0.003 micron, le più piccole che esistono, con un’efficienza garantita superiore al 99,5%.

Comments

comments